Anonim

L'elenco delle malattie dell'apparato digerente e dei medici chiamato cancro della colecisti. Nonostante la rarità di questa malattia (solo il 20% dei casi di cancro dell'intero apparato digerente), questa diagnosi è terribile con un lungo trattamento e l'assenza di sintomi in una fase precoce.

Le persone che hanno già incontrato una simile diagnosi avranno sicuramente numerose domande. Come definire l'oncologia nelle fasi iniziali? Quante persone vivono con lo stadio 4 del cancro della colecisti? È possibile eliminare completamente la malattia? Queste domande sono estremamente importanti, quindi tutti gli aspetti della diagnosi e del trattamento dovrebbero essere analizzati in ordine.

Concetti di base

Cos'è essenzialmente una cistifellea? È un organo a forma di fagiolo piuttosto piccolo. Si trova nella parte inferiore del fegato. Il compito principale della cistifellea è quello di immagazzinare la bile - un fluido secretorio speciale che è coinvolto nella digestione del cibo.

Il cancro della cistifellea è una malattia oncologica. È caratterizzato dalla comparsa di cellule anormali nei tessuti dell'organo. Nel tempo, queste cellule iniziano a crescere ea dividersi formando un tumore. Tale neoplasma blocca il corretto funzionamento della cistifellea e degli organi vicini. Il codice per la classificazione internazionale delle malattie del cancro della cistifellea (ICD-10) è C23.

Si nota che la metà femminile dell'umanità è più suscettibile a questa malattia: secondo le statistiche, ci sono quasi il doppio delle donne con una diagnosi simile agli uomini. Così, nel 2013, tumori del tratto biliare extraepatico sono stati rilevati in 2180 donne e 1.122 uomini in Russia (non ci sono dati separati sulla cistifellea).

Per quanto riguarda le categorie di età, la maggior parte dei pazienti sono persone con più di 50 anni. Anche se i medici dicono: negli ultimi dieci anni, il cancro della cistifellea è stato diagnosticato in modo crescente nelle persone di 30 anni e più. Ci sono anche casi di bambini, ma sono rari.

Qual è la difficoltà della diagnosi e del trattamento? La ragione principale - il trattamento di pazienti principalmente nelle ultime fasi della malattia. Questo rende il trattamento molto più difficile.

Cause di oncologia della cistifellea

Gli scienziati non possono elencare ragioni specifiche che diventano l'impulso per lo sviluppo di cellule atipiche. Tuttavia, il costante mantenimento delle statistiche ci ha permesso di identificare i fattori che possono aumentare il rischio di cancro alla colecisti:

  • Queste sono varie malattie infiammatorie della cistifellea, la presenza di pietre. L'85% dei pazienti con oncologia di questo tipo in passato ha avuto problemi con il lavoro della cistifellea. Questa infiammazione cronica di organi e pietre. Allo stesso tempo, è stato notato: più grande è la dimensione dei calcoli biliari, maggiore è il rischio di un tumore maligno.

  • Contatto costante con determinate sostanze Tra i pazienti ci sono molti lavoratori nelle industrie pericolose (gomma o industria metallurgica). Questo è spiegato dall'elevata concentrazione di sostanze chimiche.
  • Cisti del dotto biliare. Questo fenomeno patologico è spesso definito precanceroso. Il fatto è che una cisti è una neoplasia piena di bile. In determinate condizioni, una cisti può crescere di dimensioni, quindi rinascere in un tumore maligno e mostrare sintomi di cancro alla colecisti. Al primo sospetto di una cisti dovrebbe essere inviato alla clinica il più presto possibile.
  • Cistifellea "porcellana". Questo termine medico viene utilizzato per determinare la condizione patologica di un organo, in cui tutte le pareti della cistifellea sono coperte da depositi di calcio. Questa condizione si verifica quando l'infiammazione grave. Tradizionalmente, l'organo interessato viene rimosso, poiché spesso diventa la causa dell'oncologia.
  • Febbre tifoidea. Oggi, l'infezione da febbre tifoide è un fenomeno estremamente raro, ma se si verifica in un paziente, il rischio di sviluppare segni di cancro della colecisti è quasi 6 volte superiore.
  • L'età cambia Nel corpo di ogni persona, fenomeni irreversibili si verificano a livello cellulare con l'età, che può provocare la crescita di cellule atipiche. Ciò è pienamente confermato dalle statistiche: la maggior parte dei pazienti appartiene alla categoria degli anziani.
  • Cattive abitudini L'elenco può includere il fumo, l'eccessivo consumo di bevande alcoliche, un'alimentazione scorretta.

Istologia del tumore

Il cancro della colecisti può essere suddiviso in diverse categorie in base a determinate caratteristiche.

Secondo la struttura istologica delle cellule, ci sono diversi tipi di tumore:

  • carcinoma a cellule squamose - un tumore che si verifica nello strato epiteliale e nella mucosa;
  • adenocarcinoma: tale tumore appare da cellule ghiandolari che si trovano nell'epitelio dell'organo;
  • scirrhous;
  • solido - dalla parola latina solidum (solido), tale tumore è un gruppo di cellule disposte da piastre;
  • mal differenziate - le cellule di questo tumore hanno spesso nuclei di forma irregolare e struttura anomala.

Posizione del tumore

Secondo la posizione della neoplasia maligna, ci sono 2 tipi di cancro della colecisti:

  • Localizzata. Questo è il tipo di tumore che si trova all'interno della colecisti stessa e non interessa affatto i tessuti e gli organi localizzati. Molto spesso, questa immagine è osservata proprio all'inizio dello sviluppo del cancro della cistifellea. La prognosi del trattamento è abbastanza ottimistica.

  • Inutilizzabile. Questa categoria include quei tumori che sono già riusciti a dare metastasi. Cos'è?

Le metastasi sono la diffusione di cellule maligne dal fuoco principale (in questo caso dalla cistifellea) a vari altri tessuti e organi del corpo umano. Più spesso, le metastasi del cancro della colecisti si diffondono al sistema linfatico, al fegato, all'intestino e allo stomaco.

Stadi di una neoplasia maligna della cistifellea

Per una classificazione e una descrizione più comoda dei processi patologici che si verificano nel corpo umano, è consuetudine distinguere il cancro della cistifellea in fasi:

  • Stadio 0 : viene spesso definito precancro. In questo momento, le cellule anomale si trovano sulla membrana mucosa dell'organo e la dimensione del tumore è piuttosto piccola. Iniziare il trattamento allo stadio 0 ti permette di eliminare completamente la malattia, ma è estremamente difficile diagnosticare tale oncologia - i sintomi sono completamente assenti.
  • Fase 1 Le cellule maligne penetrano non solo nella mucosa, ma anche negli strati adiacenti del tessuto. Anche il diametro del tumore aumenta. In questa fase, possono comparire i primi sintomi del cancro della cistifellea, ma quasi non si notano. Nella maggior parte dei casi, il rilevamento della malattia in questa fase si verifica durante una visita medica, nominata per altri motivi.
  • Fase 2 (moderata). Questo stadio include il periodo di crescita tumorale attiva. A questo punto, la neoplasia raggiunge dimensioni impressionanti, ma non oltrepassa i limiti della cistifellea. I sintomi stanno diventando più vividi.
  • Fase 3 È in questa fase dello sviluppo del tumore che molti pazienti vanno in clinica, in quanto vi sono sintomi persistenti pronunciati. A questo punto, il tumore dà già metastasi vicine.
  • Fase 4. Il cancro della cistifellea in questa fase ha diverse caratteristiche contemporaneamente. Si tratta di grandi dimensioni del tumore, danni ai tessuti circostanti (cioè metastasi ad altri organi), presenza di un gran numero di sintomi della malattia e bassa suscettibilità del tumore al trattamento.

Quadro clinico

La cosa principale che distingue le malattie oncologiche da molti altri è la completa assenza di sintomi nelle fasi iniziali. Questo è il problema principale che spiega il ritardo di molti pazienti al medico.

Inoltre, molti dei sintomi del cancro della colecisti sono molto simili alle manifestazioni di alcune altre malattie non oncologiche (ad esempio, la colecistite cronica). Allo stesso tempo, la manifestazione di tutti i sintomi non è necessariamente - possono variare a seconda del tipo di cancro e della sua posizione.

Tra i primi sintomi del cancro della colecisti compaiono:

  • dolore nella parte destra dell'addome sotto le costole (in un primo momento il dolore appare piuttosto raro ed è di breve durata, ma si intensifica quando il tumore cresce);
  • distensione addominale e sensazione di pesantezza;
  • nausea frequente, vomito possibile;
  • feci anormali (flatulenza può essere improvvisamente sostituita da stitichezza);
  • mancanza di appetito o una diminuzione significativa.

Se in questa fase la persona non consulta un medico e il trattamento non è iniziato, il tumore continua a progredire. Un po 'più tardi compaiono i sintomi del cancro della cistifellea, come:

  • i dolori nella precranoria destra diventano più frequenti e più lunghi, possono diffondersi su tutto l'addome, nella parte posteriore, collo o spalla;
  • la nausea grave provoca vomito, ma anche questo non porta sollievo;
  • la crescita del tumore porta ad un aumento delle dimensioni della cistifellea - di conseguenza, un fegato ingrossato può essere sentito indipendentemente;
  • appare una tinta leggermente giallastra della pelle;
  • c'è bruciore e prurito della pelle;
  • c'è mancanza di respiro (non solo dopo l'esercizio, ma anche a riposo);
  • l'appetito può essere buono o assente del tutto, mentre il peso corporeo è nettamente ridotto;
  • lunga conservazione della temperatura corporea elevata (da 37 a 39 gradi);
  • stanchezza, sensazione di debolezza, apatia.

Un altro segno caratteristico potrebbe essere un cambiamento nel colore delle urine e delle feci. L'urina diventa più scura e le feci, al contrario, si illumina.

Esame iniziale dei pazienti

La prolungata assenza di sintomi nella fase 1 del cancro della cistifellea porta al fatto che nel 70% dei casi i pazienti vanno in clinica quando il tumore ha già raggiunto una dimensione considerevole e richiede un trattamento complesso a lungo termine.

Per assegnare il corso più efficace di terapia, il medico deve ottenere un quadro completo della malattia. Per fare ciò, assegna una serie di test e conduce anche:

  • Esame completo del paziente. All'appuntamento iniziale, il medico ha bisogno di ottenere quante più informazioni possibili dalle parole del paziente. Ciò consentirà di giudicare l'intensità dei sintomi. Sulla base di questo, possiamo assumere la gravità della malattia attuale.
  • Conoscenza delle caratteristiche della vita del paziente e della storia della sua malattia. Tali dettagli ci permettono di valutare l'entità del rischio di cancro.
  • Esame fisico Questo concetto include l'esame del paziente, la misurazione della temperatura corporea, la palpazione dell'area del fegato (per un aumento delle dimensioni dell'organo), l'esame della pelle e dell'occhio sclera per la presenza di una tinta giallastra.

Test di laboratorio

I test di laboratorio non rivelano il cancro della colecisti, ma i risultati del test indicheranno chiaramente le condizioni patologiche di un particolare organo.

Vengono eseguiti i seguenti test:

  • Analisi delle urine.
  • Analisi delle feci (coprogramma).
  • Biochimica del sangue. Nelle malattie della cistifellea si osserva un aumento del livello delle transaminasi, della bilirubina e della fosfatasi alcalina.
  • Assegnare un esame del sangue per il rilevamento dei marcatori tumorali. Questa diagnosi ci consente di ottenere dati sulla presenza di cellule maligne nel corpo.

Diagnostica strumentale

I metodi di ricerca strumentale possono essere tranquillamente definiti come base della diagnosi, poiché dai risultati di questi studi il medico riceve informazioni sullo stato della cistifellea, sulla presenza o meno di un tumore, sulla sua localizzazione, dimensioni e presenza di metastasi:

  • Ultrasuoni della cistifellea e organi interni della cavità addominale. L'utilizzo di questo metodo di diagnosi può rilevare la dimensione e la posizione del tumore. Inoltre, è possibile valutare le condizioni degli organi interni e identificare le metastasi.
  • Tomografia computerizzata Questa procedura viene eseguita su un apparecchio speciale e identifica tutte le metastasi vicine e lontane che sono presenti nel corpo.
  • Imaging a risonanza magnetica. Fornisce informazioni sullo stato del cervello (presenza o assenza di metastasi).
  • Biopsia. Questo studio è uno dei principali. La procedura prevede la raccolta di cellule anormali dalla cistifellea. Il medico conduce la recinzione con un ago lungo e sottile, quindi invia il tessuto per l'esame istologico. Il risultato sono dati accurati sulla natura e le caratteristiche istologiche delle cellule tumorali.
  • La colecistografia è un metodo diagnostico in cui viene utilizzato un agente di contrasto.

Trattamento del cancro della cistifellea

Il metodo principale per trattare questa malattia è la chirurgia. Durante il suo chirurgo rimuove la cistifellea. Ci sono 2 opzioni possibili:

  • Colecistectomia. Chirurgia, che rimuove la cistifellea. Un simile approccio al trattamento è possibile solo nei casi di diagnosi precoce di oncologia.
  • Colecistectomia + resezione epatica. Allo stadio 3, la rimozione della colecisti sarà inefficace, poiché le cellule maligne si sono già diffuse al tessuto epatico. In questo caso, durante l'operazione, viene rimosso anche il lobo destro del fegato. In alcuni casi è necessaria la resezione dei linfonodi prossimali.

Negli ultimi stadi della malattia, l'oncologia della cistifellea è considerata inoperante, quindi l'intervento chirurgico non è prescritto. Ciò è spiegato da numerose metastasi che interessano il sistema linfatico, il fegato, i polmoni, il cervello. In questo caso, i corsi di radioterapia e chemioterapia sono prescritti come trattamento.

La radioterapia è un metodo di trattamento dell'oncologia in cui il paziente è esposto a radiazioni ionizzanti. L'essenza del metodo è che le cellule maligne sono sensibili alle radiazioni, quindi, con un tale impatto sono distrutti. Abbastanza spesso, la radioterapia viene anche utilizzata come effetto aggiuntivo prima o dopo l'intervento chirurgico. Questo trattamento è abbastanza efficace, ma ha gravi effetti collaterali.

La chemioterapia è un altro modo per curare un tumore senza bisturi. In questo caso, il trattamento si basa sull'ammissione di farmaci forti che hanno un effetto dannoso sulle cellule tumorali patologiche. A seconda del livello, delle malattie concomitanti e delle condizioni generali del paziente, il medico prescrive un'infusione endovenosa di farmaci o pillole. Il dosaggio e la durata sono strettamente controllati dal medico curante. L'intero periodo di trattamento è suddiviso in corsi con una pausa di diverse settimane.

Dieta speciale per il cancro della cistifellea

Il cancro è un test piuttosto difficile per l'intero corpo umano. Allo stesso tempo, è estremamente importante che la cistifellea sia coinvolta nella digestione, e quindi la nutrizione dovrebbe essere presa molto seriamente in questo periodo.

La dieta del paziente oncologico dovrebbe essere strutturata in modo tale da alleviare la cistifellea e il fegato il più possibile.

I pasti dovrebbero essere non meno di 5-6 al giorno e rendere le porzioni piccole.

Dare la preferenza a piatti con fibre e proteine, che sono facilmente digeribili.

Abbandona completamente il bisogno di cibo pesante: grasso, salato, fritto, affumicato, dolce.

La dieta dovrebbe essere così diversificata da includere verdure e frutta, carni magre, pesce.

Assicurati di prendere un complesso di vitamine, prescritto da un medico. Tale aggiunta alla dieta aiuterà a ripristinare l'immunità della persona.

prospettiva

Ogni paziente con una diagnosi del genere si sarebbe certamente chiesto quante persone vivessero con il cancro alla colecisti. In realtà, nessuno può dare una previsione accurata. Il risultato del trattamento dipende da diversi fattori contemporaneamente: lo stadio della malattia, l'età del paziente oncologico, le comorbilità, il tipo e la posizione del tumore.

Allo stadio 1, oltre il 60% dei pazienti può essere curato con l'oncologia.

Il trattamento iniziato nella fase 2 dà la sopravvivenza a cinque anni dei pazienti nel 30% dei casi.

Nella fase 3, la sopravvivenza a cinque anni è osservata nel 10% dei casi.

La più piccola percentuale di cura per il cancro della colecisti nella fase 4 è inferiore al 10%.

Tali dati sono stati ottenuti grazie al costante mantenimento delle statistiche per diversi decenni. Le statistiche suggeriscono solo quale percentuale di sopravvivenza può essere in una particolare fase della malattia, ma in ogni caso, queste statistiche non funzioneranno. Anche nell'ultima fase ci sono possibilità di recupero, quindi è necessario combattere la malattia comunque.